A marzo fiducia dei consumatori in calo

I nuovi dati Istat indicano che a marzo continua l’indebolimento del clima di fiducia dei consumatori per il quale si stima una diminuzione da 112,4 a 111,2; positivo invece il clima di fiducia delle imprese che passa da 98,2 a 99,2. L’Istituto spiega che, per quanto riguarda i consumatori, l’indice “registra un minimo rispetto al periodo settembre 2017-marzo 2019, condizionato da valutazioni più negative sia sulla situazione economica dell’Italia sia sulla situazione corrente” mentre per quanto riguarda le imprese, l’indice di fiducia “torna a crescere per la prima volta da giugno 2018, pur confermando per il quarto mese consecutivo un livello inferiore a quello medio dell’anno base”: il “miglioramento coinvolge i comparti dei servizi e delle costruzioni ed è determinato dalla favorevole evoluzione dei giudizi sugli ordini” mentre “nel comparto manifatturiero l’indice conferma i segnali negativi che si manifestano quasi ininterrottamente da settembre 2017 ed a marzo 2019 scende ai minimi da quattro anni”.