Furti nel retail, danni per 49 miliardi

Le perdite derivanti dalle differenze inventariali costano ai retailer più di 49 miliardi di euro all’anno, pari al 2,05% del fatturato annuale del settore retail. La perdita è calcolata come somma del valore delle differenze inventariali (1,44% del fatturato) e delle spese relative alla sicurezza (0,61%). Il rapporto “Retail Security in Europe. Going beyond Shrinkage”, è stato condotto da Crime&tech, spin-off dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Transcrime, con il supporto di Checkpoint Systems, leader globale nella fornitura di soluzioni from source to shopper per il settore retail. Lo studio, che raccoglie i feedback di retailer di 11 Paesi (Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Spagna, Svezia e Regno Unito), rivela che, se confrontate con il fatturato totale delle aziende, le perdite totali relative alle differenze inventariali rappresenterebbero il quarto maggior retailer per dimensione in Europa. Tra i settori che presentano i più alti tassi di differenze inventariali, gli alimentari (2,0%) e l’abbigliamento (1,4%). Quelli che registrano i tassi più bassi sono invece elettronica (0,4%), bellezza e cosmesi (0,5%) e articoli sportivi (0,7%). Il valore delle differenze inventariali analizzato comprende furti esterni e interni, ma anche errori amministrativi, uso non conforme, scarti, merci scadute e merci e prodotti freschi danneggiati. Il rapporto ha inoltre evidenziato che oltre il 75% dei retailer effettua controlli d’inventario fino a due volte l’anno. Il 72% utilizza codici a barre e il 7,5% registra a mano gli inventari. Sebbene si sia registrato un aumento notevole nell’adozione delle tecnologie RFID, l’utilizzo è ancora limitato (5,7%) nonostante i comprovati benefici. Le contromisure più adottate includono sistemi di videosorveglianza (utilizzata dall’80% dei rispondenti), tecnologie EAS e sistemi di allarme gestiti da terzi (70%), mentre oltre il 25% dei rispondenti combina sistemi EAS e videosorveglianza per una protezione più efficace.