CRESME, edilizia pronta a ripartire

12/11/2020Senza categoria

E’ stato presentato il 3 dicembre scorso il nuovo Rapporto congiunturale del CRESME, che evidenzia una caduta complessiva nel 2020, per il comparto costruzioni, pari al -9,5%. Il dato peggiore in assoluto è rappresentato dalla flessione nel rinnovo residenziale (-13,9%), che nel decennio 2010-2019 aveva fatto registrare una crescita significativa in valori assoluti, da 43 a 53 miliardi annui. Prima la pandemia e quindi l’attesa per la piena attuazione del Superbonus 110% hanno rappresentato un freno importante e imprevisto. Pesante decremento anche per le nuove costruzioni residenziali, che chiuderanno il 2020 con un -10,6%. CRESME prevede comunque un recupero importante nei prossimi tre anni, più significativo nel 2021 (+8,3%) e ancora nel 2022 (+5,5%) e nel 2023 (+2,4%). Solo il rinnovo residenziale dovrebbe far registrare nel 2021 un +14%, con il contributo importante degli incentivi fiscali ma, almeno per quanto riguarda il Superbonus 110%, fortemente condizionati dalla effettiva capacità, per tutti gli operatori del settore, di far fronte alle nuove sfide e di intercettare tutte le potenzialità sul lato dell’offerta.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Senza categoria"

Rinnovo cariche per AVR

Rinnovo cariche per AVR

In occasione dell’Assemblea tenutasi il 13 novembre scorso, Sandro Bonomi è stato eletto nuovo Presidente di AVR, l’Associazione italiana costruttori valvole e rubinetteria, federata ad ANIMA Confindustria. Sposato e con tre figli, Sandro Bonomi è attualmente...

leggi tutto
Cambio della guardia in Assoclima

Cambio della guardia in Assoclima

Dal 1° agosto scorso Assoclima, l’associazione dei costruttori di sistemi di climatizzazione, ha un nuovo Segretario Generale: l’Ing. Federico Musazzi, già segretario di Assotermica, che sostituisce Giampiero Colli. Quarantaquattro anni, sposato e padre di tre...

leggi tutto