Italiani e social media, la nuova ricerca di Blogmeter

04/20/2018Innotech

Il 5 aprile scorso, Blogmeter ha presentato la seconda edizione della ricerca “Italiani e Social Media”, che ha coinvolto 1500 intervistati, tra i 15 e i 64 anni, residenti in Italia: un campione rappresentativo (per sesso, età e area geografica) degli iscritti ad almeno un canale social. L’obiettivo principale è quello di scoprire perché gli italiani usano i social media e quali sono i loro impieghi nella vita di tutti i giorni. Dalla ricerca emerge una polarizzazione: il 42% degli intervistati dichiara di limitarsi a leggere contenuti altrui, il 13% dichiara di scrivere prevalentemente propri post originali, senza particolare attenzione ai post delle altre persone. Il restante 45% legge, scrive o commenta. Facebook, anche quest’anno si conferma come il social preferito per una pluralità di scopi. Tra le novità spicca la sua preminenza per leggere e condividere recensioni, che lo vede preferito anche a Trip Advisor. Blogmeter ha indagato approfonditamente l’utilizzo dei social media da parte degli intervistati, arrivando ad identificare due tipologie di social: quelli di cittadinanza e quelli funzionali. Ci sono social che usiamo più volte a settimana: questi sono i social di cittadinanza, che contribuiscono a definire le nostre identità di relazione. Tra questi, Facebook si conferma, anche per quest’anno, il maggiore, rappresentante l’84% degli intervistati. Altri rilevanti social di cittadinanza sono YouTube e Instagram – che cresce di ben il 6% rispetto all’anno passato (da 40% a 46%). Estremamente rilevante per le relazioni social è WhatsApp, che passa dal 91% al 94% di utilizzo quotidiano: per i consumatori WhatsApp è un social alla pari di altri, e non viene considerato un mero servizio di messaggistica. Ci sono poi i social funzionali, che utilizziamo saltuariamente poiché soddisfano un bisogno specifico e in questo caso, secondo i risultati della ricerca svolta da Blogmeter, i principali sono Trip Advisor e Facebook Messenger – i quali crescono entrambi del +4%, rispetto alla cifra registrata l’anno scorso. Le aziende che utilizzano i social media come strumento di lavoro devono quindi decidere quando porsi nella veste di “compagni di strada” degli utenti e quando invece diventare dei risolutori di bisogni specifici, se vogliono parlare con efficacia ai loro consumatori.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Innotech"

L’Intelligenza Artificiale entra nelle aziende

L’Intelligenza Artificiale entra nelle aziende

Il 2023 è stato definito l’ “anno delle IA” in seguito alla rapida accelerazione nello sviluppo e nella diffusione di strumenti alimentati dall’Intelligenza Artificiale. Gli effetti sono pervasivi e riguardano molteplici settori del sistema economico e produttivo,...

leggi tutto
19 gennaio, webinar Classificazione ETIM & Co

19 gennaio, webinar Classificazione ETIM & Co

La Classificazione ETIM aumenta l’efficienza della catena di fornitura e la redditività dei partner commerciali, riduce al minimo il rischio di errori nella selezione dei prodotti e migliora notevolmente la comunicazione digitale. Ricordiamo che, dal 2019, ANGAISA -...

leggi tutto
Attivo il Nodo B2B ANGAISA

Attivo il Nodo B2B ANGAISA

È stato presentato il 30 novembre scorso il NODO B2B ANGAISA, dedicato allo scambio elettronico dei documenti afferenti il ciclo dell’ordine del settore idrotermosanitario, già attivo e realizzato grazie alla collaborazione con la società SEFIN. Attraverso il NODO B2B...

leggi tutto
Non c’è crisi per l’innovation technology

Non c’è crisi per l’innovation technology

Nonostante l’inflazione e la crisi energetica, nel 2022 l’information technology in Italia cresce del 7%, in netta controtendenza rispetto all’economia generale. È il dato principale che emerge dell’aggiornamento dei dati 2022 dell’Assintel Report, la ricerca sul...

leggi tutto