Banca d’Italia prevede una lenta e progressiva crescita fino al 2019

12/14/2016Mercato

Sono state diffuse nei giorni scorsi le nuove “proiezioni macroeconomiche per l’Economia italiana” della Banca d’Italia. Per l’economia mondiale si ipotizza una ripresa graduale, in linea con le valutazioni dei principali previsori. Le proiezioni incorporano inoltre un profilo di moderato rialzo delle quotazioni petrolifere. In Italia l’attuale politica di bilancio dovrebbe contribuire a sostenere l’andamento dell’attività economica. Sulla base di queste ipotesi, la crescita dell’Italia proseguirebbe, sostenuta dalla domanda interna. Nel terzo trimestre di quest’anno il PIL dell’Italia è aumentato del +0,3%, dopo l’inattesa frenata registrata in primavera; le informazioni congiunturali indicano un’espansione dell’attività economica nel trimestre finale dell’anno a un ritmo appena inferiore. In media, il PIL dovrebbe aumentare del +0,9% quest’anno; crescerebbe del +0,9% il prossimo e del +1,1% sia nel 2018 sia nel 2019. Tali valutazioni sono sostanzialmente in linea con quelle delle principali istituzioni internazionali. Nel confronto con le proiezioni macroeconomiche pubblicate lo scorso 6 giugno, prima dell’esito del referendum nel Regno Unito, la stima di crescita è più bassa, per circa 0,2 punti percentuali in media all’anno nel triennio 2016-18; la revisione riflette principalmente ipotesi meno favorevoli sull’andamento della domanda estera e dei tassi di interesse sui mercati internazionali. L’inflazione, marginalmente negativa nella media di quest’anno, risalirebbe lentamente (allo 0,9 per cento nel 2017, 1,2 nel 2018 e 1,5 nel 2019). Sosterrebbero l’inflazione i più elevati prezzi dei beni energetici importati. La dinamica dei prezzi sarebbe invece contenuta dall’andamento moderato del costo del lavoro; i salari comincerebbero ad accelerare solo nell’ultima parte dell’orizzonte di previsione.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto