Rapporto CRESME, riqualificazione a -26,5% nel 2024

07/05/2024Mercato

Il 27 giugno scorso, CRESME ha presentato il suo 36° Rapporto congiunturale e previsionale. Il direttore Lorenzo Bellicini ha illustrato dati e stime per il settore delle costruzioni in Italia, indicando una diminuzione complessiva degli investimenti del -9,5% nel 2024 rispetto al 2023, con una caduta significativa della riqualificazione abitativa pari al -26,5%. Un calo da attribuire soprattutto alla fine del Superbonus e alla necessità di rivedere le normative che limitano l’uso dei bonus edilizi, in conformità alle nuove strategie adottate dal Governo. Il rapporto prevede una stabilizzazione degli investimenti tra il 2025 e il 2027 con una crescita modesta, ma restano incertezze per il periodo post-2027, che richiederebbero l’adozione di nuove misure di sostegno e di incentivazione rivolte al comparto edilizio. Segnali di contrazione anche per la nuova produzione residenziale: -4,1% nel 2024 e -3,6% nel 2025. Di segno opposto l’andamento degli investimenti in opere pubbliche, cresciuti del +19,8% a valori costanti nel 2023 e che dovrebbero far registrare un ulteriore incremento dell’11,4% nel 2024.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto