Caldaie, nota congiunta ANGAISA – ASSOTERMICA

10/11/2016Mercato

ANGAISA e ASSOTERMICA hanno diffuso nei giorni scorsi una nota congiunta dedicata alla produzione e commercializzazione di caldaie conformi ai dettami del cosiddetto “Regolamento Ecodesign”, al fine di promuovere la trasparenza del Mercato e l’adozione generalizzata di comportamenti uniformi e conformi alla legge da parte di tutti gli operatori professionali coinvolti. A tale proposito va ricordato che, a distanza di oltre un anno dall’effettiva entrata in vigore del Regolamento UE N. 813/2013, non è più possibile “immettere sul mercato” caldaie a gas e/o gasolio di potenza fino a 400kW, i cui valori di efficienza media stagionale (parametro Etas) siano inferiori all’86%. Le caldaie convenzionali a camera stagna non raggiungono i limiti fissati dal Regolamento, pertanto non possono essere più immesse sul mercato, in quanto in violazione della normativa comunitaria. E’ opportuno precisare che per “immissione sul mercato” si intende che il prodotto viene reso disponibile per la prima volta sul mercato europeo, attraverso forniture per la distribuzione, il consumo o l’utilizzo nell’ambito di un’attività commerciale dietro compenso o gratuitamente. In sostanza, le caldaie convenzionali a camera stagna che sono state immesse sul mercato prima del 26 settembre 2015 potranno continuare ad essere installate senza limiti di tempo. Salvo questi casi ormai sempre più rari, successivamente a tale data le caldaie convenzionali a camera stagna (nonché quelle a camera aperta a tiraggio forzato) non possono più essere prodotte per essere commercializzate nel mercato dell’Unione europea. L’unica deroga consentita ai valori di efficienza media stagionale riguarda le caldaie di tipo B1 a camera aperta, che possono continuare ad essere immesse sul mercato. In tal caso il fabbricante è tenuto ad indicare all’installatore che le predette caldaie possono essere installate esclusivamente se allacciate a canne collettive ramificate, presenti in edifici esistenti; sarà pertanto responsabilità dell’installatore ottemperare alle indicazioni ricevute.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto