Caldaie, il Presidente Assotermica su Regolamenti Ecodesign e Labelling

20/12/2016Mercato

Intervistato in occasione del recente Convegno ANGAISA, il Presidente di Assotermica Alberto Montanini fa il punto sull’applicazione dei Regolamenti Ecodesign e Labelling nel settore delle caldaie e sulla presenza di comportamenti non sempre allineati alle normative vigenti, da parte di alcuni fabbricanti che operano nella filiera ITS. Montanini sottolinea il fatto che su questo come su altri temi “sensibili”, il ruolo delle principali associazioni di filiera deve essere quello di proporre nuove occasioni di formazione e informazione, per favorire scelte documentate e consapevoli da parte degli operatori coinvolti così come degli utenti privati e professionali. Questo significa “fare sistema” per promuovere la qualificazione di tutti gli attori della filiera, contrastando così comportamenti distorsivi e favorendo la trasparenza del Mercato. Ricordiamo che nel novembre scorso, ANGAISA e ASSOTERMICA hanno diffuso una nota congiunta, dedicata alla produzione e commercializzazione di caldaie conformi ai dettami del cosiddetto “Regolamento Ecodesign”, al fine di promuovere la trasparenza del Mercato e l’adozione generalizzata di comportamenti uniformi e conformi alla legge da parte di tutti gli operatori professionali coinvolti. A tale proposito va ricordato che, a distanza di oltre un anno dall’effettiva entrata in vigore del Regolamento UE N. 813/2013, non è più possibile “immettere sul mercato” caldaie a gas e/o gasolio di potenza fino a 400kW, i cui valori di efficienza media stagionale (parametro Etas) siano inferiori all’86%.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto