La crescita (per ora) rimane un progetto

05/21/2021Mercato

I dati più recenti dell’Osservatorio congiunturale Confcommercio, fotografano una situazione in evoluzione e caratterizzata da una tendenza in miglioramento, per quel che riguarda la ripresa della vita economica del Paese, come testimonia anche la crescita del Pil al 3,7% rispetto al livello di aprile, che segnava un -1,8%. Stiamo parlando di un’economia sostanzialmente ancora in sofferenza, come hanno certificato i recenti numeri dell’Istat su Pil, mercato del lavoro e andamento dei prezzi. Analizzando gli indicatori che mensilmente l’Ufficio Studi della confederazione monitora, si scopre che il recupero “statistico” ha interessato in misura principale il settore dei servizi, per i quali la variazione su base annua si attesta al 69,4%. Si tratta, in realtà, di incrementi in volume davvero minimi rispetto a un livello di attività che da marzo del 2020 è stato praticamente nullo. Se si guarda al confronto con aprile 2019 emergono, infatti, in molti casi, crolli prossimi o superiori al 70%. Ed è proprio in questi settori, soprattutto della filiera turistica e ricreativa, che si concentrano i rischi di chiusure di attività, se non verrà data al più presto la possibilità di operare in modo meno restrittivo, oltre che a intervenire con adeguati sostegni.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto