Potere d’acquisto stabile nel secondo trimestre

10/06/2017Mercato

Nel secondo trimestre dell’anno, il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato del +0,2% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti del +0,4%. E’ quanto rileva l’Istat nel conto trimestrale Amministrazioni Pubbliche, Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società. Di conseguenza, continua l’Istituto nazionale di statistica, la propensione al risparmio è diminuita di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, scendendo al 7,5%. Il potere d’acquisto delle famiglie consumatrici è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente, a fronte di un aumento del +0,2% sia del reddito disponibile, sia del deflattore implicito dei consumi. Quanto alla pressione fiscale è stata pari al 41,8%, invariata rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre l’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari allo 0,5% (0,4% nello stesso trimestre del 2016). Il Pil dell’Italia nel primo trimestre, infine, è stato rivisto al rialzo, con il dato congiunturale che è passato da +0,4% a +0,5%, mentre il secondo trimestre è stato corretto al ribasso, da +0,4% a +0,3%.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto