Punto vendita fisico e digitale, il caso “Trouva”

26/07/2018Mercato

C’è un modo di rispondere alle difficoltà del commercio tradizionale, sotto attacco di tasse, burocrazia, affitti alti, grande distribuzione e supermercati, e pure giganti del commercio online (come Amazon e EBay). Cominciano a nascere esperimenti di catene online che si rivolgono in modo esclusivo ai negozi tradizionali, offrendo loro anche una vetrina telematica. Un esperimento è in corso da ormai cinque anni in Inghilterra attraverso “Trouva”, che offre un “marketplace online” già a 450 negozi. Si rivolge ai negozi tradizionali, e, in aggiunta all’attività ordinaria, offre loro un’audience nel resto del Regno Unito che altrimenti non potrebbero raggiungere. Tra l’altro, per negozi indipendenti slegati da grandi catene, sarebbe comunque molto difficile inserirsi su Amazon o EBay. Mentre, sempre per questo tipo di negozi anche a conduzione familiare o con pochissimi dipendenti, limitarsi a far da sé per la vendita online rischierebbe di essere difficile (è sempre complicato ottenere un buon posizionamento online) o di sottrarre risorse ed energie). “Trouva”, con una commissione ragionevole, provvede a tutto, consentendo al negoziante di continuare a focalizzarsi sul suo negozio, senza distrazioni o aggravi organizzativi. Secondo le prime stime, per i negozi più rilevanti che hanno partecipato all’esperimento, ci sarebbe un ricavo aggiuntivo annuo di 100mila sterline.

Condividi

Altri aggiornamenti in "Mercato"

Ristrutturate 47mila villette grazie al Pnrr

Sono 46.922 le villette che in Italia hanno potuto attingere ai fondi del Pnrr per interventi di ristrutturazione legati al Superbonus, per un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro. Ai quali vanno aggiunti altri 7 miliardi impiegati da 13.833 condomini, per un...

leggi tutto